Per sgonfiare le gambe togliere il sale è sufficiente?

come sgonfiare le gambe

Alzi la mano chi, rientrata finalmente a casa dopo una lunghissima giornata passata tra lezioni e/o lavoro, si toglie scarpe e jeans provando un grandissimo senso di sollievo.

Sgranchisci un po’ le gambe e muovi le dita dei piedi che non ne volevano più sapere di stare nelle scarpe.

Ti sembra persino che i jeans siano diventati più stretti le scarpe di un numero più piccolo.

Come impedire ai tuoi piedi e alle tue gambe di “ingrossarsi” durante la giornata?

In questo articolo ti svelerò tutto ciò che devi sapere sulle gambe gonfie e pesanti, e cosa devi fare per alleviare e sconfiggere questo disagio quotidiano.

Come sgonfiare le gambe

Quando rientri a casa la sera sei così stanca che vorresti solamente farti una doccia e buttarti sul divano.

Il problema delle gambe gonfie non ha a che fare con la stanchezza, ma si tratta piuttosto di una serie di fattori che influenzano negativamente il corretto funzionamento del tuo corpo.

Quando il tuo corpo non riesce ad eliminare i liquidi in eccesso, questi si accumulano insieme a delle tossine, causando quella sensazione di pesantezza alle gambe e quell’antiestetico gonfiore.

La ritenzione di liquidi e tossine può avere cause di diversa natura, e diversi sono quindi gli accorgimenti che dovresti seguire per sconfiggerla.

Perché non basta togliere il sale da tavola per sgonfiare gambe e polpacci

Hai sicuramente già letto in qualche rivista che il sale è il nemico numero uno della ritenzione.

Magari hai provato ad eliminarlo completamente dalla tua alimentazione, eppure la situazione non è migliorata, anzi!

Ora ti svelo il perché.

Il nostro corpo è una macchina super intelligente che sa adattarsi a tutte le situazioni.

Ti basta pensare, ad esempio, al fatto che puoi sopravvivere anche una settimana senza cibo: in una situazione così estrema, il tuo corpo si adatterà per far fronte alla carenza di nutrienti.

Lo stesso accade quando elimini il sale dalla tua dieta: se il corpo non ha abbastanza sale dagli alimenti, ne trattiene molto di più e non ne elimina con le urine, al fine di mantenere il giusto equilibrio idro-salino al suo interno.

Ecco svelato dunque il perché togliere il sale dalla tavola non sarà la soluzione definitiva al problema.

Ovviamente, non devi nemmeno esagerare!

Aggiungi il sale solamente agli alimenti che non sono già salati di natura.

L’acqua che manda via l’acqua

Un secondo consiglio che sicuramente hai già letto è quello di bere molta acqua.

L’acqua aiuta a reidratare il tuo corpo e ad eliminare i liquidi in eccesso che ristagnano e che causano il gonfiore alle tue gambe.

Bere almeno 2 litri di acqua (o di tè e tisane) al giorno di inverno e cercare di arrivare a 3 litri d’estate ti aiuterà a mantenere il tuo corpo in perfetta idratazione, ma allo stesso tempo asciutto.

Circolazione, cosa puoi fare per migliorarla

Come hai visto all’inizio dell’articolo, il gonfiore alle gambe e ai piedi è causato da un ristagno di liquidi che il tuo corpo non riesce ad eliminare.

Migliorare la circolazione del sangue è uno dei passi fondamentali per pompare i liquidi e le tossine verso l’alto, al fine di espellerli.

Per migliorare la circolazione l’azione più intelligente che puoi fare è l’attività fisica: il movimento dei muscoli agisce come una “pompa” che aiuta a stimolare i vasi sanguigni, liberandoti così dell’acqua in eccesso.

Via libera dunque a passeggiate, allenamenti a corpo libero o in palestra.

Da evitare sono invece le attività fisiche che prevedono saltelli e la corsa, in quanto causano micro-traumi che peggiorano addirittura la situazione.

Belli i leggings, ma…

Anche l’abbigliamento gioca la sua parte nel causare gambe gonfie e ristagno dei liquidi.

Vestiti troppo stretti e aderenti sulle gambe ostacolano la circolazione e sono quindi da evitare, preferendo abiti leggeri e meno aderenti.

Anche stare sui tacchi alti per tutta la giornata dovrebbe essere evitato, preferendo invece delle scarpe comode che favoriscono la circolazione.

Metodi per sgonfiare le gambe

Ti capisco, non sempre tutti questi fattori sono sotto il tuo controllo.

Come puoi decidere di non stare seduta 8 ore al giorno se studi e lavori?

Di certo non puoi licenziarti per andare a passeggio.

Cerca di seguire il maggior numero possibile dei consigli che hai letto in questo articolo, e per avere una marcia in più, puoi fare affidamento sulla natura.

Uno studio pubblicato nel 2016 nella rivista Current Pharmaceutical Design ha esaminato la funzione antinfiammatoria e antiossidante di diversi estratti di pianteerbe e frutti, evidenziando la capacità di migliorare i livelli di infiammazione e di contrastare lo stress ossidativo dell’organismo.

Ci sono moltissime piante ed erbe che favoriscono la circolazione e il naturale drenaggio dei liquidi.

Alcune di queste, selezionate per la loro efficacia, le puoi trovare nei prodotti contenuti nel PEACH PACK.

PEACH PACK: drena i liquidi, sconfiggi la cellulite e modella i tuoi glutei!

Per aiutarti a favorire la circolazione e l’eliminazione di liquidi e tossine, ridurre gli inestetismi della cellulite e modellare il lato B dei tuoi sogni è nato Peach Pack, il Protocollo d’Assalto per gambe e glutei che unisce l’azione sinergica di:

Non lasciare che anche domani le tue gambe e i tuoi piedi ti trascinino con fatica a casa, schiacciati negli abiti e nelle scarpe.

Liberati di questa fastidiosa sensazione una volta per tutte, con le azioni giuste e mirate!

Scopri Peach Pack per dire addio per sempre a gambe gonfie, pesantezza e ritenzione e ottenere il lato B che hai sempre sognato!

Silvia Moretto

Fitness Coach e Personal Trainer

Bibliografia

  1. Curr Pharm Des. 2016 Dec; doi: 10.2174/1381612823666161123094235 Functional Foods for Health: The Interrelated Antioxidant and Anti-Inflammatory Role of Fruits, Vegetables, Herbs, Spices and Cocoa in Humans Mauro Serafini and Ilaria Peluso JAMA. 2016 Jul doi: 10.1001/jama.2016.8825.
  2. Cellulitis: A Review Adam B Raff , Daniela Kroshinsky Clin Physiol Funct Imaging. 2020 Mar; doi: 10.1111/cpf.12615.
  3. Mechanisms in fluid retention – towards a mutual concept Mathis N Mottelson, Christoffer C Lundsgaard , Søren Møller Surg Neurol Int. 2010; doi: 10.4103/2152-7806.73804
  4. Natural anti-inflammatory agents for pain relief Joseph C. Maroon, Jeffrey W. Bost, and Adara Maroon

Condividi su

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on pinterest
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email

Menu

Approfondimenti

Articoli Correlati

Menu